Costruiamo un regolatore elettronico

pubblicato il 24 March 2019 alle 20:43

Pubblico una breve guida su come costrure un regolatore eletronico (per alternatore) con una tecnologia moderna. Buona lettura.

Categoria Si parla di tecnica | Comments Off

Regolazione del semi

pubblicato il 25 June 2016 alle 15:57

La DS nasce semiautomatica e questo sofisticato meccanismo la rende unica. Per me un must.  Guidare con dolcezza con un piede ed una mano è una cosa che va provata.
Attenzione però perché tutto ciò porta assuefazione e non vorrete mai più usare gli arcaici pedali frizione delle vostre moderne auto.

Tutto però deve funzionare bene, ecco i risultati della mia esperienza, dopo la revisione completa del motore e organi idraulici era necessario un nuovo set up.

PS: anni fa lessi un articolo inglese in cui l’autore definiva la DS con il cambio semiautomatico utile solo a chi non avesse l’uso di una gamba. Bene: già allora si poteva presagire una certa differenza tra di idee e dunque … brexit now ! (si scherza naturalmente)

Vai all’articolo

Categoria Si parla di tecnica | Comments Off

Esperienza con il Janbo model 127

pubblicato il 2 November 2015 alle 19:08

Continuano le esperienze “elettroniche” ..

Oltre all’Efaw che conosciamo tutti esistono altri strumenti costruiti all’epoca per fare diagnosi sull’iniezione Djetronic che era montata anche su Volvo, Mercedes, Porsche ed altre auto. Uno dei migliori e versatile è sicuramente il Jambo, costruito in USA e praticamente unico in Italia, ecco la sua prova (grazie all’appassionato Stefano Bassi).
Vai all’articolo

Categoria Si parla di tecnica | Comments Off

Esperienza con l’Efaw 221

pubblicato il 18 September 2015 alle 21:23

Era molto tempo che mi ero ripromesso di utilizzarlo, più per curiosità che per necessità. Eppure questo antenato dei moderni sistemi di diagnosi si è rivelato utile trovando un problema al contatto del minimo sulla farfalla.
Utile, ma non indispensabile, un must per chi ama la D jet.

Vai all’articolo

Categoria Si parla di tecnica | Comments Off

Notizie da Tecnosir

pubblicato il 15 June 2013 alle 18:45

Era da un po di tempo che sarei dovuto tornare in quel di Castel di Godego, il tempo passava troppi impegni e quasi me ne dimenticavo. Poi una mattina mi arriva una mail: ci sono novità e alcuni prodotti sono già pronti, quando vieni ?
E’ il mio amico Bepi che scrive, uno che a settant’anni passati passa il suo tempo in azienda a sperimentare. Mi fiondo il giorno dopo e passo la giornata tra correttori d’altezza e pedali freno. Le novità ci sono eccome. Prima di tutto adesso il campo delle revisioni si è allargato a quasi tutti gli organi idraulici della DS/ID, poi cambia anche la sostanza nel senso che alcune parti sono state rifatte a nuovo ed i pistoncini costruti a campione con meccanica di alta precisione. Riportare un pezzo alle medesime condizioni di “nuovo” è l’obiettivo della Tecnosir. Dopo molti tentativi, da qualche anno è stata messa a punto una tecnica in grado di raggiungere lo scopo.
Il lavoro consiste nello smontare completamente il componente, togliere i pistoncini di comando usurati, procedere alla lavorazione e lappatura interna del cilindro con controllo di diametro e di rotondità e utilizzo di un nuovo pistoncino comando con diametro adatto al nuovo cilindro. La precisione di accoppiamento deve essere inferiore a un micron (da 0.3 a 0.7), non ci sono guarnizioni. Questo grado di precisione permette l’agevole scorrimento del pistoncino e nello stesso tempo la tenuta del liquido.


Il nuovo pistoncino, costruito in acciaio temperato, è l’esatta copia  dell’originale solo il diametro è maggiorato. Tutti i pezzi sono collaudati su banchi prova costruiti dalla Tecnosir.
Questo vuol dire che si è posto rimedio all’inevitabile usura del metallo che a lungo andare genera le fughe di olio idraulico.  Un bel passo avanti.
A seguire le immagini di alcune revisioni (ho solo omesso di citare alcuni trucchi del mestiere) e a breve ne arriveranno altre.

Vai a revisione correttore di altezza e “fungo” freno

Articolo su Tecnosir (2004)

Categoria Si parla di tecnica | Comments Off

Pompe benzina cinesi ? meglio evitarle

pubblicato il 21 November 2010 alle 18:02

Pompa benzina per iniezione - 2 atto

Il primo atto si era concluso con l’installazione di una classica pompa Bosch a 2 vie, una di quelle montate fino agli anni ‘80 (per esempio quella usata sul CX) ossia prima che arrivassero quelle ad immersione nel serbatoio attualmente usate. La soluzione è ottima, la pompa è sempre a rullini e quindi con lo stesso principio di funzionamento manca solo il condotto di ritorno. In caso di sovrapressione infatti l’ingresso fa questa funzione. L’ho testata per circa 26.000 Km senza problemi di sorta, si ha così un’alternativa economica (150 euro circa) all’ormai introvabile e fuori produzione originale (Sassen la propone a 609 euro per esempio). Le sole controindicazioni che posso riscontrare sono essenzialmente tre in ordine di importanza:
- ronzio al minimo in alcune condizioni
- modifica, seppur semplice, allo schema di alimentazione d’origine
- perdita di originalità (anche se la pompa è nascosta)

Ho deciso allora di cercare su internet se c’era qualcosa di diverso e seguendo i codici della pompa per la Porsche 914 (che montava anch’essa l’iniezione D-jetronic) mi sono imbattuto in un venditore cinese di queste pompe.
Non sono un ingenuo, cercavo solo un’alternativa economica, mi aspettavo qualcosa che fosse di qualità inferiore e di minor longevità, ma che almeno funzionasse per 10-20 mila chilometri.

ecco le mie pompe appena arrivate: imballo approssimativo e nessuna istruzione

Contatto il venditore e ci si accorda sul prezzo che, lo dico subito, è molto basso. Decido di aquistarne ben quattro poi però pensa il costo del corriere, dei dazi doganali, dell’iva e dello sdoganamento a portare la cifra di ogni pompa a circa 70 euro tutto compreso. Bisogna anche inviare una dichiarzione firmata in cui ci si impegna e non rivendere la merce. Vabbè. Purtroppo le cose vanno subito male, le pompe sono realizzate in maniera approssimativa (alcune viti sono a stella, altre a taglio e alcune di lunghezza diversa). Quello che non mi piace proprio però è che sono marcate Bosch con relativo codice e logo ! Non ci siamo e non me lo aspettavo: sono un tarocco ! Ci sono anche tracce di colla acrilica intorno al connettore e alla base degli ugelli (ne capirò presto il motivo).

Scettico, passo comunque al montaggio. Premetto che la pompa cinese è una copia di quella per la Porsche e quindi leggermente più corta e con le vie invertite rispetto a quella della DS, nessun problema però a montarla visto che il diametro del corpo è lo stesso e inveritire i due tubi di gomma è semplicissimo (a dir la verità cambia anche il diametro di un ugello, più grande su quella DS). La sorpresa arriva al primo avviamento … la macchina parte, la pompa è silenziosa, ma inizia subito a perdere goccie di benzina ! Non mi do per vinto, fisso delle fascette e ne provo subito un’altra e poi un’altra ancora … tre su tre perdono ! Osservando bene la dinamica delle cose ci si accorge che tutto il corpo pompa non riesce a trattenere la pressione e dopo pochi secondi si bagna ovunque (anche dentro il connettore elettrico). Ecco per quale motivo hanno messo la colla.
Inutile dire che il venditore una volta esposti i mie problemi con tanto di foto ha smesso di rispondere alle mail.

 

Soldi e tempo buttati, avverto dunque chi avesse avuto la mia stessa idea: occhio a queste pompe, sono false e pericolose.

A sinistra la Bosch originale

Sulla pompa cinese le viti sono scelte a caso come si può notare …

Codici e loghi sono replicati

So che vengono anche vendute su internet in America e forse anche da noi.
Tutto sommato mi tengo il ronzio della mia a due vie.

Categoria Si parla di tecnica | Comments Off

Revisioni sulla sospensione posteriore

pubblicato il 29 January 2010 alle 07:42

Vi siete mai chiesti perchè certe DS si abbassano subito una volta spente ? potrebbero essere le guarnizioni dei cilindri delle sospensioni che non tengono più. E chissà perchè alcune si appoggiano rasoterra, forse i tamponi di fine corsa sono scoppiati o mancanti.
Insomma, ero partito con l’idea di revisionare la sfera, poi mi sono fatto prendere la mano. Ecco due righe su quello che ho fatto.

Vai all’articolo.

Revisione sfere

pubblicato il 21 August 2009 alle 07:41

Mai pensato a come è fatta una sfera dentro e a come si revisiona ?
Una mattinata libera e la solita disponibilità del “Bepi” (Tecnosir) mi hanno permesso di scoprirlo.
Ricordo che la Tecnosir revisiona da anni sfere, servosterzi e pompe hp fornendo una garanzia di 2 anni sui suoi prodotti. Sono regolarmente in vendita anche le sfere saldate nuove per DS, CX e tutte le Citroen idropneumatiche fino alla C5.
E’ un’azienda italiana è econimica e lavora bene (e finiamola con le str….te che all’estero lavorano meglio anche perchè a volte quello che vi arriva dall’estero è partito proprio dal Veneto).

Video su youtube

Vai al link dell’articolo

Categoria Si parla di tecnica | Comments Off

Montare l’123

pubblicato il 11 November 2008 alle 07:51

L’ICCCR a Roma ha portato in dote il famoso spinterogeno elettronico “Ignition 123″ che molti di voi già conoscono. Ecco un breve articolo su come l’ho montato.
Ne val la pena ? a detta di molti si. Sopratutto sui modelli a carburatore pare che il motore sia più regolare e corposo, sulla mia DS (a iniezione) ho percepito un certo miglioramento nella regolarità di funzionamento, ma non così evidente come mi aspettavo. Forse il mio vecchio spinterogeno Bosch andava già fin troppo bene per il vecchio 2175cc.

Vai all’articolo.

Le Manuel

pubblicato il 1 February 2007 alle 19:17

 

Amis français,
cette fois j’ai pensé à vous ! Avec grande fatigue (270Mb en pdf format 150dpi) voilà disponible le manuel de réparation 518 pour toutes le DS21 et DS19. Celui-ci n’est pas un manuel, ceci est “le manuel” ! Gratis comme toujours sur LesDs.it

Vai alla pagina